Le Orecchie di Zio Coniglio

Spettacolo di burattini a guanto
di e con Miguel Rosario.

Canzoni di Michele Carusi e Tiziano Barbieri.

Introduzione
Una storia popolare venezuelana inizia con questa domanda: perché Zio Coniglio ha le orecchie così lunghe? Il racconto è strutturato come molti di quelli della tradizione indigena sudamericana, anche se questo, insieme a molte altre avventure di Zio Coniglio, è considerato, in Venezuela, parte della cultura criolla.
Si parte sempre da una caratteristica specifica di un animale, si dice che prima non era così, e si racconta quell’episodio in cui avvenne il fatto che lo trasformò per sempre, nel modo in cui lo conosciamo oggi.
L’avventura, generalmente, coinvolge flora e fauna tipica del territorio e, alla maniera di Esopo, ha al suo interno una specie di “morale”, una piccola lezione.

Lo spettacolo
Si tratta di uno spettacolo di burattini a guanto, adatto anche per i bambini piccoli (dai 3 ai 5 anni).
Tutti i personaggi sono animali del tropico, e i loro habitat sono le Ande e la calda pianura venezuelana, con i suoi animali coloratissimi e selvaggi e gli immensi fiumi abitati da anaconde e caimani.
Il testo è arricchito da simpatiche canzoni originali che rendono lo spettacolo vivace e divertente.
La storia e il burattinaio sono venezuelani, così come tutta l’atmosfera che prende corpo nello spettacolo.

La storia
Zio coniglio, un tipo furbo, impertinente e che ne sa una più del diavolo, si è stancato di stare sempre con le zampe a terra e vuole a tutti i costi riuscire a volare. Si consulta quindi con l’Avvoltoio il quale decide di condurlo niente meno che dal Condor! Il più imponente, saggio e poderoso dei volatili.
Zio Coniglio volerà quindi (per ora in groppa al suo accompagnatore) dalla pianura fin sopra le Ande dove incontrerà il Condor che, in cambio della possibilità di farlo volare, richiederà a Zio Coniglio di superare alcune dure prove.
Così Zio Coniglio incontrerà il giaguaro, il serpente, il caimano e per ottenere ciò di cui ha bisogno non si farà alcuno scrupolo.
Ma sarà proprio il suo cinismo a causare l’ira del Condor che per punizione gli farà un bella… tirata d’orecchie!

Tecnica utilizzata: pupazzi e burattini in baracca.
Età del pubblico: dai 3 ai 10 anni.